Scarpette Rosse e Veli 
Anomalia Temporale Permanente

Ne Oriente Ne Occidente ci separano 
Ne Religioni Ne Culture Ne Età Ne Oceani 
Anche il Tempo, apre uno squarcio, lì… dove tutto si ferma …
Anomalia Temporale Permanente.
Ma il tempo obbedisce al tempo , dunque nel non tempo scorre da sempre un fiume .
Un Fiume Carminio , di sangue versato di sopruso perpetrato.
Argini costruiti da bassa manovalanza maschile inferiore
che cerca l’amore , che cerca il datore , che cerca il  Dio  da demolire , che cerca la donna da perseguire.
Risponde così all’amore che amore gli è stato negato
perchè la donna che l’ha partorito alla Dea ha dato commiato.
Un lavoro che non paga , una ricerca affannata ,
un lavoro dove i sensi non hanno casata .
Sassi , mani , pugnali , fuoco , acido , veleno , ferro , parole , connivenza
Così l’argine viene sostanziato
Costeggiato di rive rovinose non si ammirano quì rigogliosi paesaggi , ma il fiato uquale rimane mozzato.
Tù Donna … smarrita e assetata cerchi l’acqua e dal tuo orecchio sordo odi il suo fluire
non senti l’eco di tante voci che gridano sgomento ,
ne il tremore che calpesti proseguendo
osservi silente il fiume che nel suo letto adagiato , ti ricorda il tuo tàlamo , l’uomo amato , l’uomo armato.
Nulla più ardisce il tuo fuoco smorzato .
Ti avvicini al tuo destino e accecata da una luce che non brilla neghi il rosso del sangue che scorre , il dubbio che serra la ragione ,
la tua stessa coospirazione .
Scivolando sulle rive bagni i piedi
e consacri l’amore a una lenta eutanasia .
Tormento ed estasi ti attanagliano
gradevolezza del masochismo
capace di creare vertigini stabili

– Venera Laura Maglia